Quell’alieno di nome “Respiro”

Cosa è il respiro?

Il mondo del respiro è un mondo straordinario per quanto sia sconosciuto e nel TangoOlistico è parte integrante di tutto il lavoro.

Il respiro nelle sessioni di TangoOlistico

Ogni volta che non sento respirare oppure chiedo come è andata con il respiro scorgo sguardi persi e stupiti come se ne sentissero parlare per la prima volta.

“Ero troppo concentrato sulla guida, non posso pensare anche a respirare”
Sessioni di coppia chiedo: “come è andata? Risposta di lei: ho respirato io per lui.
Oppure mi rigirano la domanda: mi hai sentito respirare? No cavolo….mi sono dimenticato.

Potrei fare una raccolta di aneddoti sul tema respiro e mi sono resa conto che per quanto scontato lo consideriamo quasi come un alieno, qualcosa al di fuori da noi, ma il bello è che siamo vivi proprio grazie all’aria che inspiriamo ed espiriamo. Siamo così poco consapevoli che dal respiro parte tutto il resto.

Non esiste alcuna prova contraria sul fatto che il respiro resta uno degli scambi di informazioni più incredibile che ci sia, una comunicazione continua tra l’esterno e l’interno e soprattutto il primo atto di fiducia verso la vita.

Il respiro e la sua multifunzionalità

Illustro sempre a chi ho davanti le multifunzionalità racchiuse in un respiro:

  • Come pausa
  • Come passo
  • Far star bene l’altro, facendo sentire il nostro respiro
  • Sentire di più
  • Assaporare il momento in totale presenza
  • Centratura
  • Accorgersi
  • Percepire meglio il nostro corpo

E la lista potrebbe continuare.

Lo chiamerei il mondo infinito del respiro ed ogni giorno invito chi prova quest’esperienza ad entrarci con me – a pieni polmoni, con fiducia e rispetto nei confronti di una parte di noi che merita di essere riconosciuta, vista e percepita in tutte le sue sfaccettature.

Buon respiro a tutti!